Fabio Renda (Chitarra)

Fabio Renda, chitarrista, inizia a suonare molto giovane con Franco Pipino per poi proseguire nella Scuola Media ad indirizzo musicale con Vittorio Aprato, con il quale prepara e affronta i suoi primi concorsi tra cui il “Ca’ Bianca” di Milano classificandosi al secondo posto.

Continua gli studi al Conservatorio “G. Verdi” di Torino prima con Pier Luigi Cimma e successivamente insieme a Paolo Garganese con il quale consegue nel 2011 il Diploma con la chitarra a dieci corde, e nel 2014 il Diploma Accademico di II livello ad indirizzo didattico, con una tesi sulla consapevolezza nell’insegnamento e nell’apprendimento strumentale, in entrambi i casi con il massimo dei voti. Nel 2010 si era inoltre laureato all’Università di Torino in Scienze della Comunicazione con un elaborato sulle web-radio universitarie avendo come relatrice la Prof.ssa Paola Pallavicini.

 

Ha frequentato corsi di perfezionamento con i più grandi maestri dello strumento come Oscar Ghiglia, Frédéric Zigante, Maurizio Colonna, Manuel Barrueco, Lorenzo Micheli e Eduardo Fernandez. Ha partecipato a diverse manifestazioni musicali tra cui: le Serate musicali del Conservatorio dedicate ai migliori diplomati, Un giorno al tempo dei lumi, Festa della musica, la rassegna Musica a corte ed Il bello da sentire alla Reggia di Venaria, Rassegna Aurore Musicali, Corde Pizzicate, Festival chitarristico del Roero, I concerti di Santa Pelagia, la rassegna chitarristica Six Ways, MITO Settembre Musica, esibendosi come solista, in duo ed in quartetto. Ha preso parte inoltre nel 2013, nel 2014 e nel 2015, in qualità di musicista ed organizzatore, alla Rassegna chitarristica pinerolese.

Si esibisce come solista, in duo di chitarre e nella formazione composta da chitarra e flauto con repertori che includono le musiche rinascimentali fino ai brani del XX secolo di autori come Astor Piazzolla, Mario Castelnuovo-Tedesco, Jean Francaix e Joaquin Rodrigo.

Ha scelto e suonato le musiche di alcuni spettacoli teatrali del regista e attore Marco Perazzolo tra cui “Il talento imprigionato” su un episodio tratto dalla vita di Johann Sebastian Bach e “Nel tranquillo quartiere di Wilmersdorf” dedicato al giorno della memoria.

Partecipa regolarmente a diversi concorsi musicali e ha raggiunto buoni risultati come solista e in formazione di duo. Tra questi il secondo posto al 5° Concorso Internazionale “Giovani Musicisti- Città di Treviso”, il primo premio al “Giulio Rospigliosi” di Pistoia, il primo premio al Concorso Chitarristico “Città di Voghera” ed il secondo e terzo premio al “Maria Grazia Vivaldi” d’Imperia.

Dal 2014 suona insieme al chitarrista Beniamino Trucco con il quale ha intrapreso una preziosa collaborazione artistica che li ha visti partecipare e distinguersi in diversi concorsi e concerti. Nel Settembre 2018 in seguito alla loro collaborazione, viene pubblicata la raccolta di trascrizioni dal titolo “Grandi Compositori per duo di chitarre” edita dal gruppo editoriale Volontè & Co.

Ha conseguito nel 2015 l’abilitazione per insegnare strumento nelle scuole medie ad indirizzo musicale e con il Concorso Docenti del 2016 entra di ruolo nella scuola pubblica.